Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Pesto&conserve’ Category

Durante la stagione invernale, le formiche facevano asciugare il grano inumidito. Ma la cicala, avendo fame, chiedeva loro nutrimento. Le formiche però dissero: “ per quale motivo durante l’estate non raccoglievi anche tu il cibo?”. Ed ella rispose: “non avevo tempo, cantavo soavemente!”. Esse allora scoppiando a ridere dissero: “ma se cantavi durante le stagioni estive, ora danza d’inverno!”.

La favola mostra che non bisogna trascurare certe cose in ogni circostanza, per non dolersene né essere in pericolo.

Esopo

_

E noi di Un filo d’olio, per non ritrovarci nel corso dell’inverno a  dolerci  e rimpiangere i sapori dell’ estate appena trascorsa, da brave formichine siamo corsi ai ripari e ci siamo dedicati alla preparazione di conserve e marmellate.

Quella che presentiamo qui di seguito è stata preparata ad inizio stagione, quando l’ortolano di fiducia aveva raccolto dal suo frutteto delle meravigliose albicocche… Alcune le abbiamo magiate così com’erano altre, la maggior parte, non potevano che finire in un’ altrettanto meravigliosa marmellata.

_

_

Marmellata di albicocche

1 kg di albicocche  bio denocciolate

600 g di zucchero

2 limoni

_

_

Lavare le albicocche, eliminare il picciolo ed il nocciolo, tagliarle a pezzi e trasferirle in un capiente tegame con il succo di limone e lo zucchero. Lasciar riposare in frigo per una notte e l’indomani far cuocere a fuoco dolce, mescolando di tanto in tanto, fino a quando la marmellata avrà raggiunto la giusta consistenza ossia sino a quando mettendone un po’ in un piatto e inclinandolo la marmellata non colerà giù.

Versare, quindi, in vasetti sterilizzati con chiusura ermetica; tapparli e capovolgerli per qualche minuto. Rimetterli in piedi e lasciateli raffreddare coperti prima di riporli in luogo buio e asciutto.

_

Read Full Post »

Non per essere autocelebrativi ma questa qui è davvero una chicca golosa!

Perfetta con i formaggi stagionati, con una tagliata di tonno, con un arrosto di maiale, come ripieno per dei cestini di pastafrolla… insomma, versatile e molto molto buona.

.

,

Composta di cipolle

1 kg di cipolle

200 ml di aceto

300 g di zucchero

50 g di uvetta

olio evo

,

Sbucciare ed affettare le cipolle;  in una casseruola far scaldare un filo d’olio ed aggiungere le cipolle e l’uvetta. Quando le cipolle si saranno appassite aggiungere lo zucchero e l’aceto; salare, pepare e lasciar cuocere  mescolando di tanto in tanto finchè il tutto non si sarà addensato.

Versare la composta bollente in vasetti di vetro sterilizzati con chiusura ermetica; tapparli e capovolgerli per qualche minuto.

.



Read Full Post »

… basta poco, che ce vo’?

Bhe, tempo e pazienza!!!

Ma il risultato del lavoro è una polverina magica dall’aroma intenso, dal profumo strepitoso che dona ai piatti quel sapore in più.

Gli impieghi sono dei più svariati: nelle creme dolci, nelle salsine per condire il pesce e/o la carne, nei risotti, nell’insalata, nelle torte e nella macedonia…

.

.

La lista degli ingredienti è quasi inesistente: tanti limoni assolutamente biologici.

Lavare i limoni e, con l’ausilio di un pelapatate, privarli della scorza facendo ben attenzione a non prelevare la parte bianca amarognola. Distribuire le scorze uniformerete  su una placca da forno ed infornarle ad una temperatura di 80° per circa 3-4 ore o comunque finché non risultino ben secche e dure ( ma non bruciate!). Farle raffreddare completamente e macinarle; conservare la polvere così ottenuta ed usarla per rifinire le vostre preparazioni.

.

Read Full Post »

.

Oberati di lavoro? Sempre di corsa? Poco tempo a pranzo per cucinare?

Invece di ripiegare su sughi pronti e/o pasta in busta surgelata…leggete questo post e provate questa ricettuzza veloce…

.

Pesto di rucola

100 g di rucola

2 cucchiai di Parmigiano Reggiano

una manciata di mandorle

il succo di mezzo limone

un pizzico di sale

una manciata di pepe bianco

olio evo (un “filo” abbondante e generoso)

.


Dopo aver lanciato la borsa da lavoro in un angolo dell’ingresso di casa, mettete sul fuoco l’acqua per la pasta e tirate fuori il vostro frullatore ad immersione/mixer/tritatutto/robot da cucina…

Frullare a crudo tutti gli ingredienti, assaggiare e aggiustare di sale&pepe secondo i vostri gusti…potreste aggiungere anche uno spicchio d’aglio…noi, però, ne abbiamo fatto a meno!

Intanto la pasta sarà cotta a puntino, non resta che condirla con il pesto appena fatto…Et voilà, un primo gustoso di tutto rispetto realizzato in pochi minuti!!

Come quest’altro pesto, quello di rucola è parecchio versatile…si può usare per accompagnare una tagliata di carne, dei filetti di pesce, può essere aggiunto ad un’insalata di patate lesse oppure può essere impiegato per condire dei paninetti gustosi come abbiamo fatto noi…ma questa è un’altra storia a cui dedicheremo un altro post.

Read Full Post »

Questa è una ricetta facile e veloce preparata con quella che è una vera unicità della nostra terra: il pistacchio di Bronte.

3265485503_be30d0634511

Questo frutto dal colore e dall’aroma inconfondibile ce lo hanno portato gli Arabi e, a ricordarcelo ogni giorno, è il nostro dialetto che indica con “Frastuca” il frutto e con “Frastucara” la pianta. Questi due termini derivano infatti dall’arabo “fristach“, “frastuch” e “festuch” derivati a loro volta dalla voce persiana “fistich”.

E’ una preparazione assolutamente versatile, un vero jolly della cucina. Meraviglioso da solo, si combina armoniosamente con ogni altro ingrediente per rendere più appetitoso ogni nostro piatto.

dscn80652

Per il pesto

200 g di pistacchio di Bronte sgusciato

olio d’oliva e.v.

un pizzico di sale

Per ottenere un pesto dal colore brillante bisognerebbe privare i pistacchi della loro cuticola viola e, per facilitare questa noiosa operazione, basta tuffare i pistacchi in acqua bollente per pochissimi secondi. Una volta sbucciati mettere nel mixer i pistacchi, un cucchiaio d’olio e un pizzico di sale tritare il tutto aggiungendo nel frattempo altro olio a filo fino ad ottenere un composto granuloso ed omogeneo.

dscn8056

Read Full Post »

Regina di molte merende e delle mie colazioni “coccolose”… da qualche anno ho scoperto il piacere di farla da me utilizzando agrumi rigorosamente biologici, come in questo caso: arance rosse raccolte nel giardino di un amico.


dscf0015

L’elemento che rende speciale questa marmellata è la scorza finemente tagliata ed aggiunta alla polpa delle arance: conferisce un profumo intenso che esalta il sapore degli agrumi.

Marmellata d’arance rosse di Sicilia

1,3 kg di arance

800 g zucchero semolato

1 limone

Lavare con cura le arance e sbucciarle avendo cura di asportare solo la parte arancione della scorza.

Tagliare a filetti la scorza d’arancia e sbollentarla per 5 minuti; scolarla per bene e tenerla da parte.

Tagliare a piccoli pezzi la polpa eliminando i semi e trasferirla in un capiente tegame con il succo di limone. Cuocere a fuoco dolce per 5 minuti ed aggiungere, poi, la scorza sbollentata e lo zucchero.

Mescolare con cura e lasciare cuocere fino a quando la marmellata avrà raggiunto la giusta consistenza ossia sino a quando mettendone un po’ in un piatto e inclinandolo la marmellata non colerà giù.Versare, dunque, la preparazione in vasetti sterilizzati con chiusura ermetica; tapparli e capovolgerli per qualche minuto. Rimetterli in piedi e lasciateli raffreddare coperti prima di riporli in luogo buio e asciutto.

Si presta a molte preparazioni dolci o abbinata ai formaggi ( mai provato con una ricottina di bufala???) ma anche sul pane casereccio con un velo di burro dà soddisfazione.

dscf00141

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: